In primo piano

20 Settembre 2013 e' NATA la A.S.D. GHIRI SPORT RECCO!!! contact. FB Luigi Massone






Guarda i miei video su youtube
 
Sperando di stuzzicare le tue curiosità in questa sezione trovi articoli scritti da noi e, se vorrai, anche da te
Tel. (+39) 349 87 30 248
E-mail: info[@]genovapersonaltrainer.com
Skype ID: genovapersonaltrainer
Facebook
Youtube
 
Sprint Training (articolo pubblicato su Olympian's News)
Leggi per intero la notizia
 
Tenersi in forma “Sprint Training”

In questi anni mi sono fatto l'idea che un buon Personal Trainer, per far raggiungere degli obiettivi reali ad un cliente, deve per prima cosa conoscere la persona che ha davanti facendo un sorta di anamnesi psicologica.


Spesso dedico il mio tempo libero a studiare i comportamenti umani in seguito agli eventi esterni a cui siamo passivi. La capacità di adattamento dell'uomo è incredibile e trovo molto interessante come si riesca ad ottenere risultati da un cliente se stimolato nel modo giusto.


Per me sapere classificare un cliente in una determinata categoria di persone è diventato fondamentale perchè grazie a questo lo posso mettere a suo agio più velocemente.


Chi è del mestiere o comunque chi ha a che fare con il pubblico sa che ci sono persone che sanno recepire i messaggi in un modo costruttivo e chi interpreta nel verso opposto un consiglio. Sono sempre stato convinto che conoscendo meglio il soggetto, inquadrando i suoi usi abituali e atteggiamenti, avrei potuto centrare la maniera migliore per fargli fare quello che volevo io senza creare una sorta di astio ingiustificato.


Una categoria che mi ha sempre affascinato è quella dei giovane imprenditori, persone che lavorano 14 ore al giorno “aggredendo” la giornata.


La filosofia è di ottimizzare il tempo per qualsiasi cosa abbiano in programma: dalla colazione “sprint” alla lettura del giornale in macchina mentre guidano ecc. perchè devono raggiungere quegli obiettivi di giornata prefissi dal giorno prima.


In questa categoria, molto spesso, non manca mai la cura del proprio corpo non solo a fine estetico ma soprattutto come fonte di sicurezza e autostima.


Aimè l'ottimizzazione tocca anche agli allenamenti che quasi sempre vengono effettuati direttamente in aree dedicate al fitness nelle rispettive abitazioni.


Essendo un forte sostenitore di allenamenti funzionali (un tipo di allenamento generato per coinvolgere più unità motorie nell'unità di tempo), pensavo inizialmente di potermela cavare con questo tipo di clienti con dei workout da 50' min da eseguire 3 volte a settimana utilizzando: Ketlebell, TRX, Sand-Bag ecc. invece presto mi sono dovuto ricredere perchè la richiesta è stata di allenamenti da 15' min con la possibilità di essere eseguiti tutti i giorni abbinati a qualcosa di più impegnativo tra Sabato e Domenica.

Come nasce lo “Sprint Training”:


Andato nel mio studio PT ho cominciato per prima cosa a suddividere una vasta scelta di esercizi a corpo libero tra cui: squat, affondi, piegamenti, crunch, ecc.


In un secondo momento ho scelto la modalità di esecuzione statica, dinamica o jump in modo tale da creare delle oscillazioni cardiache a seconda del gruppo muscolare interessato e dall'intensità dovuto alla modalità di esecuzione scelta.


Fatte queste considerazioni e cronometro in mano, ho creato la prima seduta di Sprint Training


Prima seduta:


Saltare la corda oppure Squat Jump 30'' sec
Apertura e chiusura gambe da in piedi jump 1' min
Piegamenti con battito 30'' sec
Crunch inverso 1' min
Crunch a terra 1' min


Circuito da ripetere 2/3 volte con un recupero da 1' min.


 
...la seconda seduta venne da sè:


Saltare la corda oppure Squat Sumo Jump 30'' sec
Affondi alternati Jump 1' min
Piegamenti a gomiti stretti 30'' sec
Crunch obliquo 1' min
Crunch a libretto 1' min

Circuito da ripetere 2/3 volte con un recupero da 1' min.

Gli esercizi suddivisi nel seguente modo creano una sorta di Interval Training che risulta ottimo per aumentare anche la resistenza.


Si può notare inoltre che i primi esercizi sono stati scelti per innalzare la frequenza cardiaca per poi farla scendere durante l'esecuzione degli addominali.

Attenzione:
assicurasi che il soggetto esegua bene soprattutto gli esercizi Jump dal momento che l'intensità dell'allenamento potrebbe portare ad un errata postura.

Volendo ottimizzare i tempi, ho lasciato queste due sedute da ripetere alternatamente ogni giorno in modo tale da memorizzare bene la sequenza degli esercizi.


Un buon osservatore dovrebbe notare che in questo esempio di Sprint Training alcuni gruppi muscolari vengono trascurati tra cui: dorsali, bicipiti, lombari e femorali.


Niente paura perchè sarà proprio l'allenamento del Sabato o della Domenica a colmare le lacune della settimana:

Cardio a piacere 15' min
Stacchi gambe tese 3 x 10/12 rec. 2' min
Trazioni sbarra o rematore 3 x 10/12 rec. 2' min
Curl manubri o bilancere 3 x 10/12 rec. 1' min
Good morning 3 x 10/12 rec. 1' min
Crunch inverso 3 x 20 rec. 1' min
Crunch a terra 3 x 20 rec. 1' min
Cardio a piacere 15' min

In conclusione
Per creare un buon programma Sprint Training si dovrà tenere conto dei seguenti parametri:


- condizione atletica del soggetto
- esercizi mirati
- tipo di esecuzione
- tempi


 
Luigi Massone


 


 



 
 
TRX Workout (Pubblicato su www.levantenews.it)
Leggi per intero la notizia
 

 


Attrezzi funzionali: TRX


 


Uno degli attrezzi dedicati agli allenamenti funzionali, descritti la settimana scorsa, è il TRX. Arriva direttamente dagli USA ed è stato premiato nel 2009 come il miglior attrezzo funzionale.


Il principio del TRX si basa sull'esecuzione di esercizi in sospensione i quali ci obbligano ad usare i muscoli stabilizzatori che ci permettono di trovare un giusto equilibrio durante la flessione e l'estensione del muscolo interessato.


Si possono fare moltissimi esercizi di vario tipo come ad esempio: Squat, affondi, piegamenti, trazioni, aperture, ecc.


Come tutti gli allenamenti funzionali non sono sedute di lunga durata, possono arrivare da 30' min a 60' min allenando tutti i distretti muscolari in un modo ampio, garantendo una buona contrazione ed estensione, al fine di arrivare ad un ottimo risultato.


 


Un esempio di allenamento “base” consigliato dalla casa produttrice:


 


Squat unilaterale 30''


Affondi indietro 30''


Leg curl TRX 30''


Abduttori 30''


Piegamenti 30''


Trazioni dorso 30''


Aperture spalle 30''


Curl bicipiti 30''


Distensione sopra testa 30''


Lombari a terra 30''


Crunch isometrico 30''


Crunch alto gambe tese 30''


Il tutto da eseguire in circuito con recuperi tra esercizi di 60''


Lo consiglio a tutte quelle persone che amano tenersi in forma perchè ci sono molti esercizi tra cui scegliere, varie tipologie di esecuzione ed in più è molto comodo perchè si racchiude in una piccola sacca fornita dal costruttore.


Una cosa importantissima, a mio avviso, è che si può lavorare senza avere carichi in compressione dal momento che si eseguono gli esercizi in sospensione e quindi senza gravare sulla schiena procurando dolori di vario genere.


In ambito professionistico e agonistico in generale è molto utilizzato perchè può anche essere considerato un tipo di attrezzo complementare ad uno sport come ad esempio: il calcio, il rugby e soprattutto in tutti gli sport di combattimento dove si ha bisogno di una buona consapevolezza del proprio corpo.
Inoltre è ottimo per aumentare: tono, resistenza, elasticità.


Per chi volesse cimentarsi con il TRX può trovare innumerevoli video riguardanti il suo utilizzo su You tube scrivendo TRX oppure, per chi legge i miei articoli, Luigi Massone prendendo anche spunti per esercizi nuovi.


Sperando di avervi incuriosito buon allenamento.


Personal Trainer
Luigi Massone



 
 
Allenamenti Funzionali (Pubblicato su www.levantenews.it)
Leggi per intero la notizia
 

 


Allenamenti funzionali!


 


In questi ultimi tempi si sente spesso parlare di allenamenti funzionali e di tutti quegli attrezzi con i quali si possono creare questi tipi di workout.


Solitamente l'allenamento in palestra, per quanto riguarda la sala pesi, è visto come una programmazione razionale di mesocicli al fine di arrivare a raggiungere un determinato obiettivo.


Tenendo conto delle tre costanti fondamentali, quantità-intensità-recupero, i giorni di allenamento vengono studiati ad hoc per poter garantire un buon isolamento muscolare e quindi un buon recupero tra una seduta e l'altra.


L'allenamento funzionale si basa sull'esatto contrario perchè non si va più a ricercare il singolo gruppo muscolare ma si cerca di coinvolgere più unita motorie nell'unità di tempo in modo tale da aumentare il consumo calorico.


Rivolto ad un target molto ampio di persone l'intensità di queste sedute allenanti può variare a secondo degli esercizi prescelti e dai tempi di esecuzione.


Molto di moda sono tutte quelle attrezzature dedicate a tale scopo come: Kettlebell, Clubbells clava, TRX, ecc.


A mio avviso, per chi a necessità di perdere peso o tonificare, è un'alternativa molto valida perchè inoltre sono allenamenti che si possono fare anche in casa occupando pochissimo spazio.


 


Per sapere qualcosa in più su questo argomento scrivetemi pure: info@genovapersonaltrainer.com


 


 


Luigi Massone (Personal Trainer)



 
 
Triathlon: Recco vanta due campioni (Pubblicato su www.levantenews.it)
Leggi per intero la notizia
 

 


Triathlon: Recco vanta due campioni


 


Domenica 26 Settembre si è svolta la tanto attesa gara di Triathlon Recco valida per il campionato ligure individuale per categoria.


Alla partenza si sono presentati più di 300 atleti provenienti da tutta Italia per questo Triathlon Olimpico, tra i più duri in circolazione dato da un'altimetria veramente importante. Quest'anno il tempo è stato clemente anche se un leggero vento ha increspato il mare dinanzi Recco rendendo il tratto acquatico ancor più insidioso del solito.


Sin dai primi Km la gara si è fatta subito dura grazie alla frazione in mare che ha visto uscire Carlo Gandolfo dalla prima zona cambio in 26'09 e infliggendo 50” ai 4 inseguitori che facendo un buon lavoro di gruppo hanno presto chiuso il distacco grazie a dei cambi regolari sulla salita che porta a Uscio. Una gara veramente entusiasmante che ha richiamato molto pubblico ai lati delle strade che i nostri eroi hanno percorso sia in bicicletta sia di corsa.


Erano settimane che qui a Recco eravamo in fermento per questo evento perchè oltre ad essere la gara di casa vedeva alla partenza due atleti di Recco che presto hanno ben figurato nelle rispettive categorie laureandosi Campioni Liguri di Triathlon Olimpico: Carlo Gandolfo e Giorgio Cotti.


Per i due atleti è stato il coronamento di una stagione fatta ad alto livello che fa ben sperare per gli anni a venire soprattutto per Giorgio Cotti essendo di categoria Juniores.


Inoltre non è da dimenticare che gli stessi sono stati preparati scrupolosamente da Luigi Massone, un preparatore emergente di Recco che ha saputo trasmettere la sua esperienza da buon ciclista dando, anche durante la gara, consigli preziosi.


Ormai la stagione agonistica giunge a conclusione ma non prima di disputare l'ultimo appuntamento al Triathlon Sprint di Lerici “a tutta”!


 


Luigi Massone


 


 



 
 
Il difficile impegno di un TRIATLETA (Pubblicato su www.levantenews.it)
Leggi per intero la notizia
 

 


 


Il difficile impegno di un TRIATLETA


 


Entriamo nell'ultima settimana prima del Triathlon Olimpico di Recco del 26 Settembre 2010.


Ormai gli atleti sono pronti per il grande evento valevole per il campionato ligure di Triathlon Olimpico.


Una delle cose più difficile per un atleta è riuscire ad arrivare a fine stagione in condizione fisica ottimale e a maggior ragione in questa occasione. Alcuni degli atleti Liguri cui prenderanno parte sono Giorgio Cotti e Carlo Gandolfo (vicesindaco di Recco) i quali vengono preparati da un Personal Trainer di Recco Luigi Massone.


Egli stesso sottolinea il fatto che affrontare una stagione difficile come quella di un Triatleta è già un grosso impegno dal momento che ci sono settimane da 12/14 allenamenti tra nuoto, bici e corsa.


Un Triatleta “non si inventa” ma si costruisce giorno per giorno curando ogni più piccolo dettaglio: dalla programmazione degli allenamenti all'effettuare test per verificare l'andamento della condizione atletica di ogni singolo atleta. Andare oltre lo sforzo è il segreto del Triathlon ma di tutti gli sport di Endurance e questo non potrebbe essere possibile senza un giusto apporto calorico che ci consenta di affrontare sforzi prolungati come questi.


Inoltre non va mai sottovalutato il lato psicologico perchè, secondo Luigi Massone, è il primo avversario da combattere. Sono molte le ore di allenamento nelle quali un Triatleta si trova solo contro se stesso e imparare a combattere “la solitudine” è molto importante perchè non sempre arriva quell'input per andare oltre la fatica.


Luigi Massone < dopo mesi e mesi di allenamenti e sacrifici siamo arrivati a fine stagione, trovo i miei atleti carichi ed in buona forma per questa gara e mi fanno ben sperare per Domenica, speriamo di festeggiare...>


Facendo un in bocca al lupo ai nostri atleti Liguri vi rimandiamo alla settimana prossima quando sapremo le sorti di questa splendida gara.


 


Per contattare Luigi Massone scrivete a info@genovapersonaltrainer.com o visitate il sito www.genovapersonaltrainer.com dove egli stesso sarà felice di conoscervi e farsi conoscere.


 


Luigi Massone


Personal Trainer



 
 
« 1 2 3 4 5 6 ... 7 »