In primo piano

20 Settembre 2013 e' NATA la A.S.D. GHIRI SPORT RECCO!!! contact. FB Luigi Massone






Guarda i miei video su youtube
 
Sperando di stuzzicare le tue curiosità in questa sezione trovi articoli scritti da noi e, se vorrai, anche da te
Tel. (+39) 349 87 30 248
E-mail: info[@]genovapersonaltrainer.com
Skype ID: genovapersonaltrainer
Facebook
Youtube
 
Il Nuovo Levante
Leggi per intero la notizia


 
 
Roberto Fantasia รจ il re del Milano In the Cage II
Leggi per intero la notizia
 
 
PROGETTO FRANCHISING Luigi Massone (Pubblicato su Millionaire di Settembre 2011)
Leggi per intero la notizia

Con grande piacere pubblico la foto e la descrizione del mio PROGETTO FRANCHISING dedicato a tutti coloro che vogliono fare della loro passione per lo sport un lavoro. 

Su richiesta posso inviare tutto il materiale via mail agli interessati.

Luigi Massone

 

Progetto Franchising:


 


LM PERSONAL TRAINER


Luigi Massone


 


Il progetto Franchising nasce per incentivare ragazzi o ragazze ad aprire un'attività in proprio come Personal Trainer o attività affini senza dover continuamente lasciare percentuali sul proprio lavoro a centri fitness o società sportive.


L'intero progetto ha un obiettivo fondamentale ossia PORTARE AVANTI IL PROPRIO NOME come garanzia di serietà e professionalità in base alle competenze acquisite con gli studi e con la pratica sul campo.


Uno dei problemi maggiori che blocca le persone che vorrebbero mettersi in proprio è che molto spesso non trovano il coraggio di puntare su loro stessi perchè l'attività come Personal Trainer è ancora poco conosciuta e perchè per poter iniziare ci vogliono degli investimenti iniziali ai quali non è sempre facile far fronte.


Grazie all'esperienza da me accumulata, da 10 anni nel settore, ho creato questo progetto per incentivare nuove persone dandogli la mia assistenza e appoggio al fine di creare un GRUPPO di professionisti del settore.


 


A chi è rivolto: a tutti coloro che hanno desiderio di far diventare la propria passione in un lavoro.


 


Il progetto Franchising è formato da due realtà lavorative:


 


a) Franchising STUDIO


b) Franchising PT


 


a) Franchising STUDIO: rivolto a quelle persone che hanno desiderio di lavorare sia a domicilio che nel proprio studio.


 


b) Franchising PT: rivolto a quelle persone che hanno desiderio di lavorare unicamente a domicilio.


 


Entrambi le modalità di Franchising prevedono:


 


-attrezzature e accessori;


-software gestionale;


-pubblicità sul sito ufficiale;


-volantini pubblicitari;


-corsi di formazione/aggiornamenti annuali;


-assistenza tecnica e gestionale;


-contratto di affiliazione personalizzabile;


-utilizzo del marchio registrato;


 


A differenza degl'altri Franchising vi è solo una quota annuale minima senza dover versare nulla come quota d'ingresso!


 


Disponibile su richiesta: una copia del contratto di affiliazione redatto dallo studio legale che ha seguito lo sviluppo del progetto Franchising.


 


Per qualsiasi dubbio o informazione non esitare a contattarmi.


Luigi Massone



 
 
Perchè utilizzare un KETTLEBELL?
Leggi per intero la notizia

L'uomo ha sempre cercato di perfezionare le proprie abilità fisiche, spinto dal bisogno di sopravvivenza, dal desiderio di supremazia o dal semplice istinto di avere un corpo sano e mantenersi in buona salute.
Per fare questo ha inventato degli attrezzi, dei sovraccarichi con cui migliorare il proprio aspetto, lavorando sulla muscolatura.
Uno degli attrezi più antichi della storia è la GHIRIA o KETTLEBELL, le sue antiche origini risalgono dall'antico Egitto, alla Cina e alla civiltà Ellenica.
Qui ancora sotto forma di giare riempite di terra veniva utilizzato per potenziare il corpo dei combattenti di allora. 

L'origne più moderna invece risale al 1704, data di stampa del primo dizionario Russo in cui viene rinvenuta la parola. All'ora la GHIRIA o KETTLEBELL non aveva ancora una forma definita, solo dal 1797 diventa rotonda dopo ordine dello zar.
Di definito c'era solo il peso. Infatti lo strumento veniva utilizzato come contrappeso per le bilance e la sua unità di misura era il PUD (16 kg).
Questo strumento prese velocemente fama, la gente rimaneva stupita dall'abilità degli uomini nel sollevare questi pesanti attrezzi.

Oltre per il potenziamento fisico la ghiria divenne lo strumento per la salvaguardia della salute della nazione.
Nel 1885 nacque a San Pietroburgo la prima associazione sportiva-medica che utilizzava le ghirie come strumento di prevenzione per i problemi fisici.


Grazie a questo attrezzo noi possiamo dare:

-FORZA
-RESISTENZA
-FORZA RESISTENTE
-AGILITA'
-COORDINAZIONE
-CONDIZIONAMENTO CARDIOVASCOLARE
-TONO MUSCOLARE
-FLESSIBILITA'

Tutto in un allenamento. Il KETTLEBELL è adatto a tutte le età.

FONDAMENTALE imparare ad usare questi attrezzi in maniera corretta sia per sfruttare al massimo le loro capacità e i benefici che ne derivano, sia per evitare possibili infortuni. 



Oleh Ilika-Campione e Recordman Mondiale che ha introdotto il GHIRI SPORT in Italia.


http://www.ghirisport.it


Se l'articolo ti ha incuriosito contattami per venire a provare questo fantastico attrezzo.

Luigi Massone 




 
 
Istruttore in sala pesi (Articolo pubblicato su Olympian's News)
Leggi per intero la notizia

 


Istruttore in sala pesi


 


Più di 10 anni fa mi avvicinai ad una palestra di Body Building perchè ero stufo di andare al bar con gli amici e tornare a casa intriso dal fumo di sigaretta e così varcai per la prima volta la soglia di quel mondo fatto di manubri , bilanceri e macchine isotoniche.


Grazie ad un buon impatto con l'ambiente palestra, velocemente mi integrai alle altre persone più esperte di me che subito cominciarono a darmi una mano come fossi una sorta di mascotte.


Una volta purtroppo nelle palestre era cosi perchè se eri fortunato venivi seguito da chi era li in allenamento se no venivi lasciato in balia degli eventi dal momento che la figura dell'istruttore in sala pesi era quasi inesistente.


Non essendo mai stato una persona che lascia le cose al caso, dopo qualche anno di mia iniziativa cominciai a studiare un manuale di Body Building e cosi continuai a fare fino a che presi la decisione di diventare io stesso un istruttore di sala pesi facendo dei corsi e superando gli esami di abilitazione specifici.


Questa decisione nacque proprio per il fatto che io stesso non avevo avuto modo di confrontarmi mai con una persona cosi qualificata.


Adesso, fortunatamente, tutte le palestre ed i centri fitness ne sono dotate perchè si è sempre più consapevoli dell'importanza di avere una persona a disposizione del cliente.


Ancora adesso ricordo le parole del mio docente al corso istruttori << la prima regola per un istruttore è di mettere in condizione il cliente di non farsi male...>>.


Una regola che dopo tanti anni continuo a seguire anche da Personal Trainer quale sono diventato in seguito.


L'istruttore è la prima persona che prende “sotto braccio” un cliente e che lo guida verso il raggiungimento degli obiettivi prefissati.


Per chi ambisce a diventare un buon Personal Trainer, il passaggio da istruttore è obbligato perchè è l'occasione per fare esperienza con svariate tipologie di persone: introverse o estroverse, precise o confusionarie, motivate o sfaticate, permalose o disponibili ecc.


Il saper porsi nel modo più adeguato per poter interagire in modo costruttivo con il cliente è fondamentale per guadagnare quella fiducia reciproca che renderà il rapporto duraturo nel tempo.


Proprio per questi motivi reputo che non sia per niente facile fare questo tipo di lavoro e sicuramente non è per tutti.


Credo che comunque sia un ruolo, molto spesso, sottovalutato da molti centri fitness perchè non capiscono che sono proprio gli istruttori che con il loro carattere creano l'ambiente a loro immagine e somiglianza.


Essendo loro stessi, in alcuni casi, l'unico punto in comune tra persone che non si conoscono all'interno della struttura, devono funzionare da legante cercando di creare un gruppo dove tutte le persone si conoscano e si stimino reciprocamente.


Come tutti i lavori, lo studio è fondamentale e bisogna sempre aggiornarsi e approfondire la materia del proprio lavoro ma non basta per essere i numero uno e cosi bisogna abbinare tanta tanta pratica fatta sul “campo” per poter affrontare nella realtà le varie problematiche come ad esempio il saper selezionare gli esercizi a seconda della tipologia di cliente e se sta eseguendo correttamente ciò che gli è stato assegnato.


Dall'altro lato della medaglia purtroppo ci sono molte persone che svolgono questo lavoro come “secondo lavoro” o semplicemente come “tappa buchi” perchè i centri fitness molto spesso non garantiscono un numero di ore adeguato e poco remunerato dal momento che si parla di collaborazioni sportive.


In conclusione, al giovane che ha intenzione di entrare in questo mondo consiglio di studiare il più possibile e dedicare tante ore alla pratica in palestra per poter diventare un istruttore completo e chissà, un giorno, un ottimo Personal Trainer.


 
Luigi Massone



 
 
« 1 2 3 4 5 6 ... 7 »